+39 02 87234655 | CONTATTACI | SHOP | AGENZIA VIAGGI

 

Day 45 - Nel villaggio degli ariani

WhatsApp Image 2018 05 12 at 20.34.57

 

 

Partenza ore 7, oggi sarà una lunga giornata: dobbiamo guidare fino a Kargil, proprio sul confine, ma faremo una deviazione per visitare il monastero di Alci, un piccolo monastero a circa un paio d'ore da qui. Inoltre prenderemo una strada diversa da quella che abbiamo fatto all'andata, perché passeremo a visitare un villaggio di "Ariani" e quindi avremo l'occasione di ripassare un po di storia.
Secondo la leggenda alcuni uomini dell'esercito di Alessandro Magno, disertarono e si stanziarono in queste montagne, dove rimasero isolati dalle altre popolazioni per lungo tempo.
Il concetto di arianesimo infatti si rifà proprio a questa popolazione che, non avendo contatti con altre etnie, rimase, secondo alcune ideologie, "pura". Per arrivarci facciamo delle strade parecchio difficoltose e non asfaltate, ma i panorami che incontriamo valgono bene la fatica: il fiume azzurrissimo si districa tra montagne rocciose che si stagliano su un cielo limpidissimo. Davvero una vista mozzafiato. Arriviamo intorno alle 15 e veniamo accolti dai bimbi del villaggio, che ci accolgono gioiosamente.

 

 

Le donne e gli uomini sono già pronti nei loro abiti tradizionali: donne e uomini portano delle tuniche adorate ulteriormente con dei gioielli per le donne e una lunga sciarpa per gli uomini. Tutti hanno dei copricapi decorati con fiori, pietre e stoffe coloratissime; le donne portano i capelli molto lunghi raccolti in due trecce laterali e due sulla nuca, unite in punta. Dopo averci offerto un pranzo veloce, iniziano a eseguire le danze tradizionali, accompagnati dai musicisti. Assistere a questo spettacolo immersi in questo caratteristico villaggio è davvero coinvolgente per noi. Non resistiamo e ci proviamo i loro copricapo. Facciamo un giro tra le stradine del villaggio e, con grande stupore, incontriamo molte persone, soprattutto gli anziani, che vestono quotidianamente con gli abiti tradizionali, le lunghe trecce e i copricapo fioriti. Probabilmente tra una decina di anni queste tradizioni saranno ormai solo un ricordo, e noi ci sentiamo davvero fortunati ad aver potuto assistervi. Ci incamminiamo poi verso i mezzi, mettiamo in moto i veicoli per andare verso Kargil. Arriviamo percorrendo strade sempre un po' complicate, alle 22 in hotel. Ceniamo e ci corichiamo, domani ci aspetta una giornata di guida. 

  

Arrow
Arrow
Slider

 

  • /diario-di-viaggio-19/2056-day-46-sciopero-e-manifestazione-a-srinagar.html
  • /diario-di-viaggio-19/2054-day-44-che-meraviglia-il-ladakh.html