+39 02 87234655 | CONTATTACI | SHOP | AGENZIA VIAGGI

 

Day 3 - da Trivandrum a Kochi...via treno!

DAY 3 In treno verso Kochi

 

Come anticipato ieri, stamattina la sveglia suona presto per alcuni di noi: ci attendono alle 7 in una palestra di Trivandrum, una delle più famose per la Kalarippayattu.

Si tratta della più antica arte marziale orientale conosciuta ed è originaria proprio del Kerala. Gli atleti, dopo essersi unti il corpo con un olio, ringraziano con un tocco sul muro in vari punti della stanza, come segno di rispetto e preghiera per gli dei e gli antenati. Cominciano poi con un riscaldamento che costituisce in realtà buona parte dell'allenamento: alternano piegamenti sulle gambe e posizioni simili allo yoga a passi intervallati da slanci della gamba verso l'alto, in un crescendo fino ad arrivare a colpire con il piede le mani rivolte al cielo. Questo esercizio viene ripetuto moltissime volte con più varianti (giri su se stessi, calci, piegamenti). A un certo punto iniziano degli incontri a due in cui vengono utilizzati bastoni lunghi, fatti da canne di bambù, e  più corti, pugnali e spade. I duelli sono strutturati eseguendo movimenti simili a quelli dell'allenamento ma alternati a colpi dati con l'arma, che vengono parati o schivato dall'altro combattente. I più esperti si colpiscono saltando e facendo complicate evoluzioni con la spada o il bastone.

 

 

Dopo un’intervista all'insegnante su come sia nata questa arte e sulle sue principali caratteristiche, torniamo in hotel, dove ci attendono gli altri. Facciamo colazione e prepariamo i bagagli (stasera ci sposteremo, infatti, a Kochi), per avviarci quindi verso il Somatheeram, centro specializzato in trattamenti Ayurvedici che si trova circa un'ora verso sud. Appena arrivati, abbiamo subito un'impressione di pace e tranquillità, e in poco tempo abbiamo già fatto conoscenza con vari occidentali che stanno soggiornando qui, tra loro anche una fan di Overland, che ci riconosce.

La medicina Ayurvedica, ovvero la "conoscenza (veda) della vita" (ayu) nasce più di 2000 anni fa nella cultura indiana; l’Ayurveda vede nel mondo un suo intrinseco equilibrio, composto da tre elementi: " vata" (aria), "pitta" (fuoco) e "kapha" (acqua). Per vivere in salute è necessario che vi sia un equilibrio tra i tre elementi, qualora vi sia eccesso di uno rispetto agli altri il corpo riscontra, infatti, un disturbo (ad esempio, la febbre sarebbe la conseguenza di un eccesso dell'elemento "fuoco"). Per raggiungere e mantenere l'equilibrio, l'Ayurveda prevede la combinazione di due metodi: uno di purificazione interna (panchakarma) e uno attraverso i massaggi con olii ed erbe.

Pranziamo in questo angolo di paradiso, circondati da piante fiorite e con in sottofondo il suono delle onde dell'oceano. Per pranzo vengono serviti vari tipi di  piatti vegetariani accompagnati da riso condito con melograno, uvetta, rapa, arachidi.... È una cucina molto varia e saporita, anche se notiamo che le pietanze servite qui sono adattate ai gusti occidentali, risultando più delicate di quelle assaggiate finora.

Lasciamo, un   po' a malincuore, questo incantevole posto per dirigerci alla stazione centrale di Trivandrum, dove prenderemo il treno per Kochi. La guida acquista per noi i biglietti: gli stranieri per acquistare in autonomia i biglietti del treno che dobbiamo prendere devono richiedere il permesso da un ufficio apposito con largo anticipo.

Dopo una mezz'oretta siamo a bordo del treno, ognuno... sdraiato al suo posto. Eh già, è un treno diretto a Delhi e prevede quindi molte ore di viaggio, quindi  i posti sono delle brandine e non dei sedili. 

Ci vengono infatti dati cuscino, lenzuola e coperte per passare la notte qui. A noi però non dovrebbero servire, a meno che non perdiamo la nostra fermata! La guida non è con noi e non si riesce a capire a che orario il treno si fermerà alla stazione di Kochi... Per fortuna a Filippo viene in mente di controllare col GPS la nostra posizione in modo da capire quando è il momento di scendere.

Alle 23, circa due ore dopo rispetto all'orario di arrivo previsto, arriviamo in stazione dove ci accoglie Milton, la nostra guida a Kochi. Vista l'ora tarda, ci consiglia di cenare in un fast food in stazione... Noi non siamo molto abituati ad andare in questo genere di posti, ma quando vediamo che si tratta di un fast food di cibo indiano, siamo subito curiosi di provarlo! In effetti non rimaniamo affatto delusi e, a pancia piena, ci dirigiamo in hotel.

Qui ci attende una sorpresa per uno dei nostri : oggi è il compleanno di Silvano e Filippo ha fatto preparare una torta per festeggiare. Dopo poco arrivano anche i bagagli, ci sistemiamo nel ristorante dell'hotel e, all'insaputa del festeggiato,  facciamo arrivare la torta. Tanti Auguri Silvano! Festeggiamo offrendo una fetta anche ai ragazzi dell'albergo che, inizialmente un po' timidi, accettano volentieri.

Ora siamo davvero tutti molto stanchi e domani sarà una giornata impegnativa, meglio andare a dormire. 

 

Arrow
Arrow
Slider

  • /diario-di-viaggio-19/2008-giorno-4-alla-scoperta-di-kochi-e-cena-in-riva-al-mare.html
  • /diario-di-viaggio-19/2006-giorno-2-dove-saranno-finiti-i-nostri-veicoli.html